top of page
Gradient

Notizie

Informazioni, eventi e notizie su tutti gli aspetti che ci contraddistinguono, sugli aspetti del mercato e molto altro ancora. 

Nuovo Credito d’Imposta Transizione 5.0

Incentivi per l'innovazione e la sostenibilità aziendale

L'Italia, come molte altre nazioni, si trova di fronte a sfide economiche e sociali sempre più complesse, che richiedono un costante aggiornamento delle politiche pubbliche per favorire lo sviluppo sostenibile e la competitività delle imprese sul mercato globale. Il "Nuovo Credito d’Imposta Transizione 5.0" è un'iniziativa governativa introdotta per promuovere la trasformazione digitale e la transizione ecologica delle imprese italiane. Si tratta di un meccanismo attraverso il quale le imprese possono ottenere incentivi fiscali e finanziamenti agevolati per investire in innovazione tecnologica e sostenibilità ambientale. L'obiettivo principale di questo credito d'imposta è quello di favorire la competitività delle imprese sul mercato globale, incoraggiando l'adozione di soluzioni tecnologiche avanzate e la riduzione dell'impatto ambientale delle attività produttive.

Panorama industriale moderno con l'integrazione di pannelli solari e turbine eoliche, sottolineando la transizione verso pratiche sostenibili.
Armonia tra industria e ambiente: Integrazione di energie rinnovabili nel tessuto produttivo.

Obiettivi

L’obiettivo principale del Decreto è consentire alle aziende italiane di adeguarsi ai cambiamenti globali, tra cui la crescente digitalizzazione dell'economia e la necessità di ridurre le emissioni di gas serra per contrastare i cambiamenti climatici.

In questo contesto, il Decreto Legge si propone di raggiungere diversi obiettivi chiave: 

  • Promuovere l'Innovazione Tecnologica: Incentivare le imprese italiane ad adottare tecnologie avanzate come l'Internet of Things (IoT), la big data analytics, l'intelligenza artificiale e la robotica avanzata per automatizzare i processi produttivi, ottimizzare la gestione della produzione e migliorare la qualità dei prodotti. È essenziale che i diversi sistemi all'interno dell'ambiente produttivo siano interconnessi e possano comunicare tra loro. Ciò permetterà una maggiore flessibilità e adattabilità della produzione, nonché una migliore gestione dei dati e una maggiore trasparenza all'interno dell'azienda.

Ambiente industriale moderno con braccia robotiche e macchinari automatizzati in funzione, illustrazione della trasformazione digitale nella manifattura.
Futuro dell'automazione: Un'immersione nella tecnologia avanzata con intelligenza artificiale e robotica industriale.
  • Sostenere la Transizione Ecologica: Favorire la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio, attraverso l'adozione di pratiche industriali sostenibili, l'uso di energie rinnovabili e la riduzione dell'impatto ambientale delle attività produttive. Le imprese infatti dovranno adottare pratiche produttive sostenibili che riducano l'impatto ambientale delle loro attività, riducendo i consumi energetici, ottimizzando l'uso delle risorse e minimizzando i rifiuti.   

  • Incrementare la Competitività delle Imprese: Offrire incentivi finanziari alle imprese che investono in innovazione e sostenibilità, al fine di aumentare la loro competitività sul mercato nazionale e internazionale.

  • Creare Occupazione e Crescita Economica: Stimolare la creazione di nuovi posti di lavoro, soprattutto nel settore delle tecnologie avanzate e delle energie rinnovabili, contribuendo così alla crescita economica e alla riduzione della disoccupazione.


Dal Credito d'Imposta Industria 4.0 al 5.0

Il "Nuovo Credito d’Imposta Transizione 5.0" rappresenta un'evoluzione del concetto introdotto con il "Credito d'Imposta Industria 4.0". Le principali differenze tra i due decreti sono le seguenti:

  • Focus sulla Transizione 5.0: Mentre il "Credito d'Imposta Industria 4.0" era principalmente incentrato sull'adozione di tecnologie digitali avanzate nell'ambito dell'Industria 4.0, il "Nuovo Credito d’Imposta Transizione 5.0" amplia il suo campo di azione includendo anche la transizione ecologica. Questo significa che oltre alla digitalizzazione, viene data maggiore importanza alla sostenibilità ambientale e alla riduzione dell'impatto ambientale delle attività industriali.

  • Maggiori Incentivi per la Sostenibilità: Il decreto 5.0 prevede maggiori incentivi fiscali e finanziamenti per le imprese che investono in soluzioni sostenibili e pratiche industriali ecocompatibili. Questo riflette l'importanza crescente della sostenibilità ambientale nell'agenda economica e politica.

  • Ampliamento delle Tecnologie Supportate: Sebbene il "Credito d'Imposta Industria 4.0" si concentrasse principalmente su tecnologie digitali come l'Internet of Things, l'Intelligenza Artificiale e la Robotica, il decreto 5.0 include anche tecnologie legate alla sostenibilità ambientale, come le energie rinnovabili e le tecnologie per il monitoraggio e il controllo dell'inquinamento.

  • Requisiti di Accesso Potenzialmente Diversi: Poiché il decreto 5.0 amplia il suo ambito includendo anche la transizione ecologica, sono stati introdotti nuovi requisiti di accesso legati alla sostenibilità ambientale, oltre a quelli già esistenti relativi alla digitalizzazione.

In sintesi, il "Nuovo Credito d’Imposta Transizione 5.0" rappresenta un passo avanti rispetto al "Credito d'Imposta Industria 4.0", ampliando il suo campo di azione per includere non solo la digitalizzazione, ma anche la transizione verso un'economia più sostenibile.


Normativa

Il nuovo Decreto Legge stabilisce le disposizioni legislative e regolamentari che disciplinano il Credito d’Imposta Transizione 5.0, definendone gli ambiti di applicazione, i criteri di accesso e le modalità di fruizione degli incentivi. La normativa si articola attorno a diversi aspetti chiave: requisiti di accesso, incentivi, investimenti ammessi.


Requisiti per l'accesso

Per poter beneficiare del Credito d’Imposta, le imprese devono soddisfare determinati requisiti, che possono variare in base alle specifiche linee guida stabilite dal governo e alle caratteristiche del programma.

In primo luogo è necessaria la regolarità fiscale e contributiva delle imprese. Esse devono essere in regola con il pagamento delle imposte e dei contributi previdenziali e assistenziali, al fine di poter beneficiare degli incentivi fiscali previsti dal decreto. Inoltre sono escluse dagli incentivi tutte le attività connesse a combustibili fossili o che generano elevate quantità di gas ad effetto serra e rifiuti tossici. Fondamentali per il soddisfacimento dei requisiti sono l’innovazione tecnologica e la sostenibilità ambientale. Dovrà essere dimostrato e certificato l'impegno dell'impresa verso l'innovazione tecnologica e la sostenibilità ambientale. Le imprese devono dimostrare di aver effettuato investimenti in tecnologie avanzate e soluzioni digitali che migliorino l'efficienza produttiva, l'automazione dei processi o la qualità dei prodotti e dei servizi offerti. Allo stesso tempo, devono impegnarsi verso la riduzione dell'impatto ambientale delle loro attività, attraverso l'adozione di pratiche produttive sostenibili, l'uso di energie rinnovabili, la riduzione dei consumi energetici o la riduzione delle emissioni di gas serra.

Infine le imprese devono essere in grado di documentare in modo chiaro e trasparente gli investimenti effettuati per la trasformazione digitale e la transizione ecologica. Questo include la tenuta di registri contabili dettagliati, la conservazione di documentazione comprovante gli investimenti e la partecipazione a eventuali verifiche condotte dalle autorità competenti per garantire la conformità agli obblighi previsti dalla normativa.


Incentivi

Il decreto legge descrive una serie di incentivi per le aziende che decidono di investire nell’innovazione e nella transizione ecologica. In particolare sono previste: agevolazioni fiscali e finanziamenti agevolati.


Agevolazioni Fiscali

Le imprese che beneficiano degli incentivi possono godere di agevolazioni fiscali sotto forma di riduzione dell'imposta sul reddito delle società (IRPEF) o dell'imposta sul valore aggiunto (IVA), sotto forma di Credito d’Imposta. Questo significa che una parte degli investimenti effettuati per la trasformazione digitale e la transizione ecologica può essere detratta direttamente dall'imposta da versare, riducendo così l'ammontare delle imposte dovute al fisco. Le imprese possono ottenere un credito d'imposta pari a una percentuale degli investimenti realizzati. Questo credito può essere utilizzato per compensare imposte future, riducendo così il carico fiscale dell'impresa nei prossimi periodi di imposta, oppure può essere richiesto in forma di rimborso diretto, permettendo all'impresa di ottenere liquidità immediata per finanziare ulteriori progetti di sviluppo.

Riduzione dei consumi a livello di stabilimento

o (in alternativa)

Riduzione dei consumi a livello di produzione

tra il 3% e il 6%


tra il 5% e il 10%

tra il 6% e il 10%


tra il 10% e il 15%

oltre il 10%


oltre il 15%

Fino a 2,5 milioni

35%

40%

45%

Da 2,5 milioni a 10 milioni

15%

20%

25%

Da 10 milioni a 50 milioni

5%

10%

15%

Il credito d’imposta 5.0 può essere utilizzato solo in compensazione tramite modello F24 entro il 31 dicembre 2025. Qualora l'importo non venga esaurito interamente entro la scadenza del Piano, la parte restante di credito verrà ripartita in 5 quote uguali nei 5 anni successivi.


Finanziamenti Agevolati

Oltre alle agevolazioni fiscali, le imprese possono beneficiare di finanziamenti agevolati per sostenere i propri progetti di innovazione e sostenibilità. Questi finanziamenti possono essere garantiti dallo Stato o da istituti finanziari convenzionati e offrire condizioni vantaggiose in termini di tassi di interesse, durata e modalità di rimborso. Questo permette alle imprese di accedere a risorse finanziarie aggiuntive per implementare i propri progetti, senza dover gravare eccessivamente sulle proprie risorse interne.


Investimenti ammessi

Il decreto stabilisce quali tipologie di investimenti sono considerate ammissibili per accedere al credito d’imposta. Questi investimenti possono riguardare l'acquisto di tecnologie innovative, l'implementazione di processi produttivi sostenibili, la formazione dei dipendenti o la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti o servizi.

Sono agevolabili gli investimenti in beni materiali e immateriali nuovi, strumentali all'esercizio d'impresa come riportato negli allegati A e B annessi alla legge 11 dicembre 2016,  n. 232, e che sono interconnessi al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura, a condizione che, tramite questi investimenti, si consegua complessivamente una riduzione dei consumi energetici della struttura produttiva, cui si riferisce il progetto di innovazione non inferiore al 3 per cento o una riduzione dei consumi energetici dei processi interessati dall'investimento non inferiore al 5 per cento. 

I beni il cui investimento è agevolabile sono descritti in dettaglio nell'allegato B alla legge 11 dicembre 2016, n. 232. Si riporta qui un elenco sintetico dei beni compresi: 

  • Tutti i software, i sistemi, le piattaforme o le applicazioni  per l'intelligenza degli impianti che garantiscono il monitoraggio continuo e la visualizzazione dei consumi energetici e dell'energia autoprodotta e autoconsumata, o introducono meccanismi di efficienza energetica, attraverso la raccolta e l'elaborazione  dei  dati  anche provenienti dalla sensoristica IoT di campo (Energy Dashboarding);

  • I software relativi alla gestione di impresa se acquistati unitamente ai software, ai sistemi o alle piattaforme elencati nel punto precedente.

Nell'ambito dei  progetti  di  innovazione che conseguono  una riduzione dei consumi energetici nelle misure e  alle condizioni  previste dal decreto, sono inoltre agevolabili:

  • Gli investimenti in beni materiali nuovi strumentali all'esercizio d'impresa finalizzati all'autoproduzione di energia da fonti rinnovabili destinata  all'autoconsumo,  a  eccezione   delle biomasse, compresi gli impianti  per  lo  stoccaggio dell'energia prodotta;

  • Le  spese  per   la  formazione  del  personale, finalizzate  all'acquisizione  o  al consolidamento delle competenze nelle tecnologie  rilevanti  per  la transizione digitale  ed  energetica  dei  processi  produttivi,  nel limite del 10 per cento degli investimenti effettuati nei beni, e in ogni caso sino al  massimo  di 300 mila euro, a condizione che le attività formative siano  erogate da soggetti  esterni  individuati.


La procedura in breve

La procedura per accedere al credito d'imposta previsto dal Piano Transizione 5.0 è la seguente:

  1. Verifica dei requisiti: Assicurarsi di soddisfare i requisiti necessari per poter beneficiare del credito d'imposta. Questi requisiti includono il tipo di investimenti ammissibili, le condizioni delle imprese che possono accedere al beneficio, e altre disposizioni specifiche stabilite nel testo normativo.

  2. Preparazione della documentazione: Raccogliere tutta la documentazione richiesta per dimostrare che soddisfi i criteri per ottenere il credito d'imposta. Questa documentazione potrebbe includere fatture, documenti di trasporto, certificazioni da parte di valutatori indipendenti, e altro ancora, come specificato nelle disposizioni normative.

  3. Presentazione della domanda: Presentare la domanda per accedere al credito d'imposta attraverso il canale telematico fornito dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) S.p.A. Assicurati di compilare correttamente il modello standardizzato e di allegare tutta la documentazione richiesta.

  4. Verifica della completezza della documentazione: Dopo la presentazione della domanda, il GSE verifica la completezza della documentazione. Assicurarsi di fornire tutti i documenti richiesti per evitare ritardi o eventuali rifiuti della domanda.

  5. Monitoraggio dell'investimento: Durante l'attuazione del progetto di investimento, dovranno essere inviate al GSE comunicazioni periodiche sull'avanzamento dell'investimento. Questo è necessario per determinare l'importo del credito d'imposta utilizzabile.

  6. Completamento dell'investimento: Una volta completato l'investimento, comunicare al GSE il completamento dell'investimento. Questa comunicazione deve essere corredata dalla certificazione rilasciata da un valutatore indipendente che attesti l'effettiva realizzazione degli investimenti.

  7. Utilizzo del credito d'imposta: Una volta approvato, il credito d'imposta può essere utilizzato esclusivamente in compensazione dell'imposta sui redditi. Assicurati di utilizzare il modello F24 e di seguire le procedure stabilite dall'Agenzia delle Entrate per l'utilizzo del credito d'imposta.

  8. Conservazione della documentazione: Conservare tutta la documentazione relativa agli investimenti agevolati, poiché potrebbe essere soggetta a controlli futuri per verificare l'effettivo sostenimento e la corretta determinazione dei costi agevolabili.

E' fondamentale assicurarsi di consultare il testo normativo completo e di seguire le disposizioni specifiche stabilite dal Piano Transizione 5.0 per garantire il corretto accesso al credito d'imposta.


Apporto di Contech

Grazie a una solida esperienza nell'Industria 4.0, Contech si è affermata realizzando progetti all'avanguardia che non solo soddisfano gli standard di Industria 4.0, ma stabiliscono anche le fondamenta per un avanzamento significativo verso l'Industria 5.0. Tra i nostri successi più notevoli figurano soluzioni per il monitoraggio dei consumi energetici che hanno permesso alle aziende di scoprire e correggere inefficienze nei processi produttivi. Queste soluzioni hanno portato a una riduzione dei costi energetici, in alcuni casi, fino al 70%, permettendo alle imprese di ammortizzare l'investimento nel revamping in meno di due anni.

L'esperienza di Contech copre una vasta gamma di applicazioni, dalla connessione di macchine e linee produttive nuove o già esistenti a sistemi MES, anche personalizzati, sviluppati internamente per soddisfare le specifiche esigenze dei clienti. La nostra competenza in intelligenza artificiale, unitamente a un team dedicato, ci permette di guidare le imprese attraverso la complessità della transizione digitale ed ecologica prevista dagli incentivi dell'Industria 5.0.

Inoltre, grazie alla nostra partnership con Brochesia, offriamo soluzioni di assistenza e manutenzione avanzate, inclusi supporti di realtà aumentata come gli occhiali smart, che migliorano l'efficienza degli interventi tecnici e riducono i tempi di inattività delle macchine.

L'approccio di Contech non si limita a garantire l'accesso agli incentivi governativi: miriamo a implementare soluzioni che generano benefici a lungo termine. Investire in tecnologie avanzate con Contech significa non solo ottenere risparmi immediati grazie agli incentivi, ma anche migliorare la sicurezza, l'efficienza e la sostenibilità delle operazioni nel lungo periodo.

Cruscotto tecnologico dettagliato che mostra metriche di consumo ed efficienza energetica in un centro di monitoraggio industriale, evidenziando l'uso di tecnologie intelligenti per ottimizzare i processi produttivi.
Controllo e efficienza: La gestione intelligente del consumo energetico tramite dashboard tecnologici avanzati.

Al fine di offrire un servizio ancora più completo e sicuro, Contech si occupa anche delle perizie e delle certificazioni necessarie. Attraverso partnership con ingegneri qualificati, siamo in grado di fornire un servizio chiavi in mano che include la gestione di tutte le pratiche burocratiche e le richieste di documentazione. Questo assicura che i nostri clienti possano navigare senza problemi le complessità legali e normative, permettendo loro di concentrarsi sul core business mentre noi ci occupiamo del resto.

Attraverso soluzioni personalizzate e tecnologicamente avanzate, Contech si impegna a trasformare gli investimenti in innovazione in vantaggi concreti e misurabili, che sostengono la crescita e la competitività delle imprese nel panorama globale.


Conclusioni

Il Nuovo Decreto Legge, che introduce il Credito d’Imposta Transizione 5.0, offre una serie di incentivi significativi per le imprese che investono in innovazione e sostenibilità, permettendo loro di ridurre il carico fiscale, ottenere liquidità aggiuntiva, accedere a finanziamenti agevolati, ridurre i costi del lavoro e beneficiare di agevolazioni per la ricerca e lo sviluppo. Questi incentivi sono fondamentali per stimolare gli investimenti privati e favorire la trasformazione dell'economia italiana verso un modello più innovativo, sostenibile e competitivo.

L'obiettivo del Decreto Legge è quello di promuovere una crescita economica inclusiva e sostenibile, incoraggiando le imprese a adottare pratiche aziendali avanzate che favoriscano la competitività sul mercato globale e contribuiscano alla riduzione dell'impatto ambientale delle attività industriali. Attraverso l'offerta di incentivi finanziari mirati, il governo italiano si impegna a sostenere la trasformazione digitale e la transizione ecologica, promuovendo un modello di sviluppo basato sull'innovazione, la sostenibilità e la creazione di valore a lungo termine.



Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page